Più bici più piaci, esilarante viaggio nel mondo della bicicletta. La nostra recensione

Più bici più piaci (che Paolo Pinzuti – coautore assieme a Federico Del Prete del manoscritto avrebbe voluto chiamare Gente col ciclo, titolo a mio avviso assai più significativo!) è un libretto molto piacevole, scorrevole e divertente che porta il lettore alla scoperta del quanto mai variegato mondo della bicicletta. Chiariamo subito che qui non si parla di ciclismo inteso come sport, sapete che neanche a noi di BicycleTv.it interessa l’argomento.

Il libro é articolato in 25 capitoli brevi che racccontano altrettanti ‘tipi da bici‘, la gente col ciclo evidentemente tanto cara a Pinzuti, in chiave semi-seria ma dando in realtà un sacco di informazioni utili. Si legge, si ride e si prendono appunti contemporaneamente insomma. E se siete alla ricerca del Birota che vi rappresenti potreste trovarlo in un solo capitolo o doverne mescolare più di uno. Nel mio caso mi sento un po un birota fixa con la mia dodici cicli blu/cromata fatta su misura dalla case milanese, ma sono anche un po birota pater perché porto mio figlio sul seggiolino, ma alla maniera della birota mater, perché il mio pargolo ed io pedaliamo prevalentemente in città e non nelle ciclovie di mezzo mondo.
C’é poi il Birota manualis quello che, data la sua fisica impossibilità di pedalare con le proprie gambe, gira con la sua hand bike e si domanda perché l’Autosaurus rex (comunemente detto: l’automobilista) nonostante sia nel pieno possesso dei suoi arti inferiori abbia bisogno di un motore a combustione interna per muoversi e si ostini a considere lui un portatore di handicap. C’é il Birota rampans, il manager in bicicletta che fa dello stile il prorpio punto di forza; il birota silvestris, il mountain biker che passa il suo tempo a leggere riviste di settore ed ogni anno acquista l’ultimo modello di mtb in commercio. Il ciclista intergralista che  cascasse pure il mondo pedala con qualsiasi condizione atmosferica perché

non esiste il cattivo tempo ma solo un cattivo equipaggiamento.

Esilarante il capitolo dedicato al Birota fashionista che pedala a sella bassa e gomme mezze sconfie rigorosamente in sella a bici prodotte da note case automobilistiche o vinte con i punti benzina. L’autore ci svela anche l’equazione che utilizza il birota feticista per decidere qual’é il numero perfetto di bici da possedere (ma questa non ve la sveliamo, leggetevi il libro!). Forse il top dei capitoli é quello sul birota demens, che a seguito di un’attenta analisi di mercato acquista la sua bici al supermercato, bici che dopo una settimana é già in riparazione in officina. Quando questi si accorge che rimetterla in sesto costerebbe più della bici stessa, invece di comprarne una di migliore qualità crede che il ciclomeccanico di turno lo stia truffando e corre a rifugiarsi nel primo supermercato dove comprerà la sua prossima dueruote.

Un libretto esilerante da leggere tutto d’un fiato aperto da un interessante  mini saggio sul bike to work in cui Federico del Prete ci racconta le best practices più diffuse nelle comunità intelligenti per incoraggiare l’utilizzo della bicicletta. Ogni capitolo è arricchito dalle illustrazioni di Gabriele Orlando e in chiusura del libro trovate anche un manualetto di ciclo meccanica ed alcuni semplici ma preziosi consigli sulla salvaguardia del proprio mezzo a pedali.

E se vi abbiamo fatto venir voglia di leggere Più bici più piaci, edito da Terre di Mezzo, allora acquistatevi il libro

+ compri

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*