Ieri (23/2/14) siamo andati a farci un giro al Bici Live Expo alla Fiera di Roma. Una grande e colorata vetrina della bicicletta giunta alla sua terza edizione capitolina, che per la prima volta quest’anno si è presentata come salone esclusivo delle biciclette.

E mentre lo scorso anno era stata un appendice del moto expo, quest’anno il pubblico è accorso esclusivamente per vedere e provare i numerosi modelli di biciclette presenti. Dalle e-bike versione large ed extra large o in versione pieghevole a quelle da gara con acceleratore che raggiungono i 110 km/h (assolutamente fuori legge in strada dove il limite è di 25 km/h). Numerosi i modelli di mtb esposto così come i modelli da corsa.

Ma noi siamo andati a cercarci le biciclette più strane e sfiziose. Ci siamo imbattuti così nello stand dei napoletani Bad Bike, bici elettriche dall’aspetto aggressivo. Abbiamo provato la versione sidecar (sarebbe meglio dire siderbike!!), molto divetrente da guidare e decisamente rilassante per il piccolo passeggero (mio figlio!!), anche se in curva avevamo paura di ribaltarci.

trikeGoDopo un paio di giri del padiglione siamo andati a fare un pedalata sul TrikeGo, il tricheco cargo bike che, come ci racconta il suo creatore Francesco Casoli, è una bicicletta realizzata 100% in Italia. Un triciclo con cassone in legno anteriore, realizzato studiando e cercando di migliorare i tanti modelli di cargo bike danesi ed olandesi, con un occhio anche al prezzo che si presenta decisamente inferiore alla concorrenza estera. Abbiamo provato le biciclette customizzate dai viterbesi vip eletronics, che trasformano vecchie bici in e-bike in stile retrò, ma anche semplici mtb da normali a versione pedalata assistita.

Ma a farla da padrone sono stati sicuramente  i tanti produttori di fixed bike, le bici nella loro versione più essenziale a pignone fisso o libero, ma senza rapporti e, talvolta, senza freni. Quì i produttori si sono sfiziati a creare le più diverse combinazioni di colore e componentistica e spesso sui loro siti internet è possibile, attraverso un configuratore virtuale, costruirsi la propria bicicletta scegliendosi ogni singolo pezzo, per averla poi a casa in pochi giorni. In fiera abbiamo provato le bici del marchio casertano di Cicli Troiano,

gsabbiamo ammirato le biciclette in legno fatta a mano dall’artigiano milanese Gianni Speciale, che ci ha raccontato di aver iniziato da un anno questa attività e che in fiera ha presentato i suoi quattro prototipi intitolati a Roma, Venezia, Milano e Firenze.

Abbiamo conosciuto gli inglesi di Nolobi, anche loro si sono presentati con la loro bici dalle tante combinazioni di colore e in doppia versione pignone fisso e libero. Sicuramente degne di nota e particoòlari le biciclette di Italy bike, dal caratteristico telaio i cui tubi sono uniti da grossi bulloni e, volendo, intercambiabili.

L’ultima chiaccherata prima di andare via la abbiamo fatta con i ragazzi di Eleven, anche loro propongono fixed bike ma la loro caratteristica è il produrre solo 11 pezzi per ogni singola combinazione grafica, il che rende la bici un pezzo quasi unico. Alle bici abbinano anche un simpatico mobile porta bici da muro o da garage, in tono con la bicicletta stessa.

11

Da quello che leggiamo oggi sul sito biciliveexpo.it i numeri della manifestazione sono stati sicuramente interessanti, noi ci aguriamo che da domani le nostre strade saranno invase da tante nuove e coloratissime biciclette.

Unica pecca è stata quella di non aver trovato bici da bambino, eravamo andati con l’internzione di prenderne una per nostro figlio di tre anni e mezzo ma siamo tornati a casa a bocca asciutta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*