Partirà il prossimo 8 marzo da Ivrea per un giro del mondo in bicicletta: 30 mila km da percorrere in meno di 145 giorni. Paola Giannotti, 32enne costretta a chiudere la sua agenzia di comunicazione a causa della crisi il pallino dell’avventura ce l’ha nel sangue fin da bambina. Cresciuta viaggiando in camper con i genitori non appena compiuta la maggiore età inizia a girovagare zaino in spalla con la sorella. 

keep brave 1

Tante le avventure estreme, come leggiamo sul suo sito keepbrave.com, intrappolata nei monsoni in India, recuperata da un elicottero sull’Himalaya dopo tre lunghi giorni di piogge torrenziali, operata d’urgenza senza anestesia in Venezuela per togliere delle uova di pulce che le si erano infilate sottopelle, l’inizio di un edema polmonare a meno trenta nel penultimo campo dell’Aconcagua a quasi 6.000 metri.

Insomma di gavetta Paola ne ha fatta abbastanza e adesso è pronta per battere il Guinness del primati: vuole essere la prima donna (e la prima italiana) a compiere il giro del mondo in bicicletta nel minor tempo possibile. Lo aveva già fatto Juliana Buhring, una greca trapiantata a Napoli, nel 2012 in 152 giorni. La sfida di Paola Giannotti è battere quel record. Per riuscirci dovrà percorrere 30 mila km, attraversando Europa, Americhe, Australia ed Asia, in meno di 145 giorni con una media di 215 km al giorno.

L’impresa sarà anche molto social, sarà infatti possibile seguire gli spostamenti di Paola sul sito keepbrave.com. Noi di BicycleTv.it vi terremo aggiornati.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*